facebook
instagram
logosenzascritta
Mens et Corpus
Soluzioni integrate per il tuo benessere
© 2018 Mens et Corpus
Massaggio decontratturante

Come il suo nome recita, questo tipo di massaggio rilassante serve a combattere le contratture muscolari, ovvero i dolori localizzati causati quasi sempre da troppo lavoro, posizione errata durante il sonno, sport, stress o colpi di freddo. La tensione prolungata ed eccessiva del muscolo porta a un dolore cronico di cui è molto difficile liberarsi, che ci rende difficili anche le comuni attività di tutti i giorni. 

Se a fine giornata desideri un massaggio decontratturante, hai ben chiaro cosa sia un vero trattamento di relax. Da secoli in Occidente si pratica questo massaggio, che può essere considerato un corrispettivo dei massaggi orientali dedicati alla cura del corpo e al ripristino delle energie.

Scopo del massaggio decontratturante è riportare il tono muscolare ad un livello normale, riattivare i centri nervosi e stimolare la circolazione sanguigna. Il massaggio infatti, attraverso manovre localizzate e pressioni specifiche, apporta ossigeno a tutte le parti del corpo e ai tessuti cutanei, liberandoli dalle tossine.

 

Quali sono le parti del corpo, o meglio i muscoli, che traggono benefici da questo tipo di terapia?

image-656
image-727
image-455
Schiena
Collo e spalle
Gambe e polpacci

Un gran numero di persone soffrono di contrattura muscolare alla schiena. Il dolore si accumula principalmente sulla zona che dal collo scende lungo la schiena e la fascia lombare. Il massaggio inizia con uno sfioramento per riattivare la circolazione per poi esercitare pressione con i pollici sulla colonna vertebrale.​

Quando si trascorre molte ore davanti al pc o si assume una postura scorretta spesso si soffre di cervicalgia e dolore alle spalle. In questo caso si interverrà esercitando una pressione che parte da una parte del collo per poi scendere fino alle spalle, procedendo poi con dei piccoli colpetti per riattivare il tessuto connettivale.

Anche in questo caso, come avviene per la schiena, il massaggio inizia con degli sfioramenti per poi procedere con una pressione che parte dal basso fino a raggiungere i glutei.​

I casi per cui si ricorre al massaggio decontratturante non sono solo le contratture e altri problemi muscolari. Esistono situazioni in cui questo tipo di massaggio porta benefici come in casi di generica rigidità muscolare(quando cioè i muscoli non risultano più elastici perché poco sollecitati) o di blocco articolare. Anche casi di ansia e di pesantezza nello stomaco possono trarre sollievo  da un tipo di trattamento che, ricordiamo, agisce sulla circolazione sanguigna e quindi, indirettamente, sul miglior apporto di ossigeno.

L’obiettivo è quello di riportare il tono dei muscoli a un livello normale con l’uso di manovre specifiche, lavorando sul rilassamento del muscolo.

Grazie a queste procedure, quindi, oltre allo scioglimento della contrattura, si verifica la riattivazione di molti centri nervosi e l’ossigenazione di tutto il corpo, favorendo anche l’eliminazione delle tossine.

Il trattamento può durare da mezz’ora a un’ora circa, in base alla gravità della contrattura e alla zone da trattare. Di solito, anche dopo la prima seduta si avvertono già dei benefici, ma anche dei naturali dolori post-trattamento.

Create a website